Pene Curvo - Induratio Penis Plastica (IPP) - Malattia di La Peyronie

Che cosa è la Induratio Penis Plastica?

  • È un disturbo localizzato del tessuto connettivo che altera il collagene della guaina (tunica albuginea) che riveste i corpi cavernosi del pene. 

  • Un eccesso di collageni sostituisce le fibre elastiche della tunica albuginea, portando ad una formazione cicatriziale nota come placca di Peyronie.

Quando è stata scoperta?

  • Prima segnalazione nel 1550 da Andrea Vesalio

  • Prima descrizione clinica nel 1743 François de La Peyronie, chirurgo dell'esercito di Luigi XV.

 

Cosa causa la Induratio Penis Plastica?

  • Ripetuto trauma microvascolare, provocato durante l'attività sessuale 

  • Predisposizione genetica 

Come si Manifesta la Induratio Penis Plastica?

  • Fase attiva (dura fino a 12 mesi) 

    • dolore durante l'erezione solo nel 5% dei casi 

    • progressiva curvatura del pene 

    • alterazione circonferenza

    • accorciamento

    • comparsa / aggravamento di deficit erettile​​

  • Fase cronica (dopo circa 12 mesi): ​

    • Stabilizzazione della curvatura​

    • Deficit erettile conclamato

    • Difficile penetrazione

 

Come si indaga la Induratio Penis Plastica?

  • Eco-Color Doppler Penieno farmaco-dinamico

  • Ecografia basale del pene

  • Documentazione fotografica seriata

 

Come si cura: XIAPEX®?

  • XIAPEX® 

    • Il principio attivo è la collagenasi prodotta da microrganismo di Clostridium histolyticum

    • Iniettato nella placca del pene scompone il collageno che la costituisce

    • Aiutare a raddrizzare il pene in erezione

    • Il grado di riduzione della curvatura è variabile dall'entità della placca

    • Una singola iniezione può garantire un miglioramento massimo di 20° gradi

    • Garantisce il blocco e la stabilizzazione della malattia

    • Fondamentale un inizio del trattamento precoce dopo la diagnosi della malattia e durante la cosiddetta "fase attiva" con il potere di stabilizzare la malattia

XIAPEX, trattamento Induratio Penis Plastica, Malattia di La Peyronie, Dr. Pini